È sufficiente effettuare il deposito alla SIAE per proteggere un personaggio di fantasia?

Il deposito presso la sezione delle opere inedite della SIAE è sicuramente la forma di protezione migliore da attuare per proteggere un personaggio di fantasia che in quanto tale rientra tra le opere protette dalla legge sul diritto di autore. A questo tipo di tutela si può aggiungere una registrazione come marchio del nome del personaggio, che gioca spesso un ruolo fondamentale anche per il fatto che il marchio può essere rinnovato di dieci anni in dieci anni senza che si perdano i diritti di sfruttamento economico. La legislazione sul diritto d’autore è piuttosto uniforme nei paesi più avanzati e viene normalmente garantita senza che debba essere eseguita alcuna formalità specifica. Esiste, in particolare, uno specifico accordo internazionale tra numerose nazioni, la Convenzione di Berna, che prevede che gli autori godono all’estero degli stessi diritti che quello stato attribuisce ai propri cittadini senza che si renda necessaria alcuna formalità (art. 5 Conv. Di Berna). In pratica per estendere questa protezione all’estero non si deve fare niente, salvo effettuare delle registrazioni presso gli organi pubblici appositi, qualora il personaggio venisse pubblicato ed al fine di precostituirsi delle prove della propria creazione. I depositi che spesso si fanno, compreso quello italiano alla SIAE, hanno infatti il solo scopo di fornire la prova di essere autori di un’opera, ma il diritto in sé lo si acquista già nel momento stesso in cui la si realizza.

Categoria: Diritto d'autore Ultimo aggiornamento: 2012/08/20