Si può depositare un brevetto in forma provvisoria o presso un Notaio?

Anche se è una procedura a cui si ricorre molto di rado, preferendo sempre predisporre tutta la documentazione con la massima precisione, è tuttavia possibile depositare una domanda di brevetto preparando una descrizione sommaria dell’invenzione, allegando disegni di massima e segnando sul modulo di presentazione della domanda la casella ES RIS che significa esemplari in riserva. In questo modo si ottiene un numero ed una data relativi a questa domanda di brevetto, mentre entro due mesi occorre depositare tutti i documenti definitivi accompagnandoli con una lettera nella quale si dichiara di sciogliere la riserva posta e che deve essere considerata definitiva la nuova documentazione allegata.

Viceversa, effettuare un deposito presso un Notaio, a cui molti in realtà ricorrono, non ha alcun valore in quanto i diritti reali su un’invenzione derivano solo ed esclusivamente dalla concessione del brevetto. Con il deposito presso il notaio si può solo dimostrare di avere avuto una certa idea in un certo momento, ma in Italia vige il principio del first to file e non del first to invent per cui chi prima deposita la domanda di brevetto ha tutti i diritti su di essa.

Categoria: Brevetti Ultimo aggiornamento: 2012/06/20